giovedì 8 dicembre 2011

La poesia non salva

Proposizione preliminare,
lemma; barena:
bassofondo della laguna
che emerge dall'acqua
con la bassa marea.


* * *

La poesia non salva
- Nevio dixit! -

Rappresentare un pensiero,
nella sua perfezione sublime,
incanta.

La salvezza è qualcosa di *mistico*
trascende la ragione dell'essere
l'essere in ogni pre-giudizio.


Mi accontento di non possedere la chiave,
di stare accucciata ai piedi dell'entrata
sia essa in legno di cipresso
o in legno di betulla.

- il cane mi lecca le dita -


17 commenti:

  1. Come drenandosi l'acqua emerge il disegno della barena, così drenandosi le parole si rivela la forma della poesia. Ciao

    RispondiElimina
  2. che bel pensiero Elio, grazie!

    RispondiElimina
  3. se hai occasione, leggi quì...
    (la mia fonte di ispirazione:-)
    http://lettereintrappola.wordpress.com/

    a presto

    RispondiElimina
  4. senza bussare
    che sia l'ombra a farti presenza
    e profumo di rosa

    RispondiElimina
  5. La poesia non salva. Nemmeno un dio, oggi, può più salvarci. La salvezza non ha altre mani fuorché le nostre. Poveri noi.

    RispondiElimina
  6. Grazie miei cari, io ho bisogno della poesia anche se non salva. ne ho bisogno per proteggermi l'anima dai mali del mondo...lo so che è illusione, il realismo è ben altro.
    la vita è ben altro!
    Però *desidero* sentire questa dimensione del sogno sempre presente sulla pelle, nelle cose.

    (mi assento per due giorni ma torno :-)

    RispondiElimina
  7. Forse la poesia potrebbe salvare perché rappresenta la Bellezza.
    E solo la Bellezza può salvare il mondo.
    Ciao Carla

    RispondiElimina
  8. molto bella la tua pagina personale di poesia, tutta.
    Il tuo linguaggio in questi versi, un sentire che si esprime in modalità lirica e filosofica nel contempo, con rimando alla classicità.
    Grazie,:)
    piacere, f.

    RispondiElimina
  9. se estendiamo la bellezza al supremo valore di giustizia e verità, allora sono d'accordo.
    Ciao Gus

    Francesca, Grazie!
    Piacere mio:-)

    RispondiElimina
  10. credo che la poesia possa salvare dall'aridità e dalla povertà di pensiero. e da noi stessi... sento profondamente le tue parole...

    RispondiElimina
  11. Grazie Ciprea :-)
    è Nevio che sostiene che la poesia non salva, e come si può dargli torto se si pensa ai campi di concentramento...?
    la salvezza intesa nel vero senso della parola è accessibile a chi la persegue con concretezza di fatti, però è anche vero che esiste un altro tipo di salvezza...ed è quella dello spirito, che la poesia ben conosce.
    possiamo sceglierci la salvezza che vogliamo...?

    RispondiElimina
  12. dissento risolutamente...
    Certo... occorre intendersi sul valore della "salvezza" che permette la Poesia
    così come quella che ci addita la Bellezza del mondo.
    Ma avendola sperimentata su me stesso posso ragionevolmente affermare che la Poesia, la Letteratura, l'Arte nelle sue più alte espressioni, salva eccome! Dalla disperazione. Dal vuoto. Dalla "nullificazione".
    Dalla desertificazione valoriale operata pervicacemente sulle masse per decenni interi.

    RispondiElimina
  13. certo, bisogna capire che tipo di salvezza salvare...

    RispondiElimina
  14. la poesia non salva perchè la sua salvezza è illusoria.
    la salvezza reale è quella del pane.

    RispondiElimina
  15. forse il pane da solo non basta ...
    forse è meglio se salviamo anche i tulipani ... :-)

    ciao Carla. buona domenica

    RispondiElimina
  16. *Pane e tulipani* è un film meraviglioso!:-)

    RispondiElimina
  17. ecco di cosa ho bisogno oggi...
    la musica di Santaolalla e una buona lettura.

    RispondiElimina