venerdì 1 marzo 2013

Rapsodia in rosso: una lettura di Ivan Fedeli


I poeti sono imprevedibili,
misurano lo sfondo di ogni cosa
cavalcano i miti
si denudano, fronteggiando la plebe.
Il loro mondo
è il nuovo mondo.
Quello di Dvorak.


Una delle tendenze della poesia contemporanea è la ricerca di un codice 
in grado di forzare una lingua impotente, inadatta alla ricostruzione dei 
sintagmi nervosi del presente, recepibile solo attraverso uno scarto 
deformante e, nel contempo, aggregante della materialità storica. 
Tale ricerca, spesso, si serve della struttura del poema in versi per 
esprimere necessariamente il progetto che il poeta-demiurgo costruisce 
a strati per dare compiutezza alla realtà effettuale che lo circonda, 
plasmandola e restituendola al lettore nella nuova veste formale di res 
cognita.


Carla Bariffi è da annoverare in questo microcosmo espressivo, al pari 
di altre voci femminili di considerevole spessore della poesia italiana del 
nuovo millennio. Voci mature, quali Elena Corsini (Nature terrestri –
PuntoaCapo editrice), Antonella Doria (MetroPolis - ExCogita), 
Martina Campi (Estensioni del tempo - Le Voci della Luna) che si 
affidano a editori di qualità, accomunate dall’idea di una scrittura a 
strati, magmatica, capace di legare senso e sovra-senso, struttura 
materiale, storia e contingenza. 
Nel caso della Bariffi, al suo secondo libro di poesia, la natura 
progettuale dell’opera è particolarmente evidente. Rapsodia in rosso nasce 
come secondo codice rispetto ad Aria di lago (LietoColle), di cui 
rappresenta il necessario superamento, in quanto una forza centripeta, 
avvolgente, porta in primo luogo il poeta-demiurgo, poi il lettore, a 
percepire la realtà di riferimento come contrazione emotiva in una luce 
primordiale, atavica, seppur frammentata, dove l’ineffabile entra di 
prepotenza nel canale inconscio dell’Io poetico e agisce da atto 
liberatorio, quasi erotico, esplodendo in nuove situazioni di senso.
Non c’è nulla di fragile o di scontato nella poesia di Carla Bariffi, ogni 
atto è rimando, richiamo, allusione: “il fatto stesso di osservare una particella 
/ ne modifica lo stato” afferma l’Autrice a dichiarazione di una poetica in 
perenne mutamento che, a partire dall’intuizione visiva, destruttura la 
percezione in una densità di frattali che si ripetono in infinite variazioni 
della loro forma-base.



È poi il libero arbitrio del poeta a seriarli, definirli, ungarettianamente 
portarli alla luce. Questione di metodo, dunque: filtrare l’essenza del 
mondo attraverso il canale della parola impotente, destrutturare 
l’esperibile mediante la formulazione di un linguaggio nuovo. 
La Bariffi, con naturalezza, unisce in tal senso l’elemento poetico alla 
speculazione filosofica, generando in sostanza un poema originale: la 
metafisica nasce quando "quando il linguaggio fa vacanza" afferma 
Wittgenstein; la scrittura di Rapsodia in rosso tende alla sintesi tra fisico e 
ontologico, e Carla Bariffi opera con l’abnegazione di uno scriba:

“conio il mio verbo tracheostomico e indigesto”. 

Si veda, a proposito, uno dei frammenti del poema:

Natura, anima, spirito / i tre stadi fondamentali dell'Uno / 
apertura e scissione / - contemplazione - / Sono felice quando mi 
allontano / perché riesco a vedere la forma / dell'indefinibile. // 
Apro l'agenda / per scriverti. / L'Uno solenne si presenta, / 
Assoluto / come l'intelligenza / quando circoscrive i concetti. / 
Emanantismo / che si estende a complemento / (tra l'oggetto ed il 
soggetto). / Scuola, di nomi, prioritaria /da Platone / che lo indica 
come principio / di entità che soggiace / alla molteplicità delle idee, / 
all'’indivisibile’ di Aristotele, / tornando alla molteplicità / emanata 
dall'Essere in Plotino. / Dalla trigonometria, / che studia i triangoli, 
/ al ragno che crea / l'unione dei suoi angoli.

La tensione verso l’ unità dei linguaggi porta, inevitabilmente, alla 
fusione di questi in una forma di scrittura con forti scarti di senso. È 
questo la lingua che Carla Bariffi cerca? Si è accennato, in precedenza, 
alla natura pulsionale della poesia; l’atto poetico corrisponde, 
idealmente, all’atto sessuale. L’obiettivo, sprigionare energia creativa. 
È questo il terzo anello che compone la catena espressiva, dopo il 
filosofico e il poetico:

Lungo l'epidìdimo / attraverso l'erogena zona
 /che divide il cratere dal vulcano. / Nel Perinèo, / abbandono il disegno delle labbra. 
// Perigonio, all'apice del fiore / il tepalo trasmesso per scissione /
lo scarto - epidurale - del pistillo /che genera con-tatto.

Botanica e poesia. Olea fragrans rubra e Digitale purpurea, dunque. 
Senza scomodare Pascoli, ciò che la poesia cerca è un piano 
comunicativo plurilinguistico e plurisemantico. Carla Bariffi lo trova 
con una certa efficacia. Ed è la Kalokagathia , quell’ unità di bellezza e 
valore morale che, nel caso specifico, rappresenta il superamento dello 
schema significante-significato: la poesia evolve in una sorta di macchia 
accentuativa, segno universale in grado di produrre narrazione poetica. 
Come la Sinfonia n. 9 in Mi minore di Dvořák, la ricerca poetica 
dell’Autrice è prova di un nuovo mondo: 

la realtà / è composta da due facce; / lo spazio tridimensionale / e 
l'immagine olografica che vi proiettiamo. / Ma le informazioni, nello 
spazio, / sono un ologramma tridimensionale. / Usiamo i semi di 
Anassagora / come fossero la terza realtà. /

È la terza realtà che chiama, il linguaggio nuovo che tende a 
decodificare l’intorno e l’interno. Risponderle, dunque, con l’esattezza 
dell’atto poetico. Questa è la splendida scommessa dell’Autrice, la 
poesia come strumento di indagine, cosmo a sé in continuo divenire. 
Un’Olea fragrans 1), dunque, destinata a crescere a ritmo lento, ma con 
profumo persistente.


1 ) Olea fragrans rubra era il titolo iniziale del poema.

 

19 commenti:

  1. Vorrei aggiungere l'opera di Courbet: donna che si pettina , ma non riesco a trovarla...

    RispondiElimina
  2. Interessante lettura e visione d'insieme Carla.
    Un abbraccio
    D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, carissimo Daniele!
      Non vedo l'ora di ricevere sia il libro che la rivista *Le voci della luna* che l'egregio sig. Bianchi Fabrizio ha detto mi avrebbe spedito.
      Una buona giornata!
      :-)

      Elimina
  3. Letto con interesse.
    Sei Fantasticamente "aristotelica", un passo verso l'Esperienza: entelechia che si fa esperienza, non solo evento.

    Bisogna stare molto attenti al concetto di evento in poesia, (dal mio punto di vista) perché questo rischierebbe (per sua natura l'evento ha sempre un contenuto "musicale" , sarebbe questo il pericolo) di assurgere a condensatore annullando altri toni, rimanendo nell'effetto più che nel contenuto, infatti l'evento è di sorpresa, deve avere una qualità di imprevedibilità, altrimenti non potremmo percepirlo come “evento”. (l'imprevedibilità ha sempre in poesia, ed anche in prosa, la "musica" come artefice non il fatto, la "musica" che non è la musica naturalmente).
    Ed è infatti nella percezione, nell'effetto di questo, che si assurge tutto il rischio dell'alienazione, perché percezione fine a se stessa, (atto di poesia).

    per dirla altrimenti con le parole di Hans Urs von Balthasaril autore molto nominato in questi giorni (riflessione per il Pontefice Emerito)

    "il desiderio di bellezza viene sollecitato dalla forma perché mette in movimento la nostra disposizione a non accontentarci della superficie di quanto appare, a desiderare infinitamente; che questo “atemporale” abbia bisogno, per manifestarsi, dell’esperienza del bello, cioè del desiderio di associare forme diverse tra di loro – questo è attestato dal fatto che non è un dato mentale, non sta alla fine di un’argomentazione, di una concatenazione concettuale, ma si dà insieme alla contemplazione della forma, in un’unica azione"

    Il passaggio successivo in realtà (di cui io non sono d'accordo con Balthasaril) è proprio l'idea suggestiva che è l'evento nel sorprenderci a determinare la vivificazione e a farla esperienza; altrimenti ne scaturirebbe un mero formalismo scientifico. (tesi questa condivisibile ma non mi trovo in accordo, ma non è qui quello che conta). Quello che leggo invece (quel che mi interessa nella tua poesia) è appunto: che si misura una cosa mediante un’altra.
    in altri termini:
    "Non giudicare troppo presto, o l’immagine non si formerà". Johann Wolfgang Goethe


    un buon sabato e domenica. Hem.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La contemplazione della forma è fondamentale per qualsiasi artista degno del suo nome
      Leonardo in primis, che ha saputo cogliere la bellezza accorpandola a discipline rigide
      come la matematica e associandola alla scienza come conseguente conoscenza delle sue realizzazioni.

      Mi hai fatto un complimento bellissimo, nominando una semplice parola: Entelechia
      il cui significato si traduce in:
      stato di perfezione di un ente che ha raggiunto il suo fine (tèlos), attuando pienamente il suo essere in potenza.

      Ciao Michele, e grazie!

      Elimina
  4. ho aggiunto le tre fasi del sole al tramonto, scattate a fine estate scorsa...

    RispondiElimina
  5. Bella e centrata recensione. Buona domenica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo e ti ringrazio!
      Buona domenica Elio :-)

      Elimina
  6. Bell'articolo. Della tua opera poetica posseggo una visione lacunosa ma, per quanto ne ho letto sinora, non posso che riconoscerne la " levità geometrica " del frattale (come ben scritto nella recensione) e continuare a in-seguirne la danza.
    ;-)

    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te, Arthur (è il nome vero?)
      mi piace *levità geometrica* riferita ai miei *frattali* :-)

      L'editore Lucini mi ha confidato che questo genere di scrittura (così filosofica) si può osare solo una volta...non so se essere d'accordo, voglio poter scegliermi il registro che voglio anche se può essere di difficile comprensione.

      nella poesia tutto deve essere possibile
      (almeno voglio crederlo).

      Elimina
  7. Il nome vero è Simone.
    Se è il registro che ha scelto te ogni problema risulta fallace ;-)

    RispondiElimina
  8. ...guardarti, spogliarti, raccontarti e viverti...

    gli occhi di chi oltre a te si nutre nelle parole...
    e sa scoprire l'arte.

    Un abbraccio stretto..
    m.

    RispondiElimina
  9. bellissima lettura, introduce alle dimensioni altre offerte dalla tua poesia

    quando la forma è varco, al pensiero che tende all'infinito...

    cb

    RispondiElimina
  10. Vi ringrazio sentitamente!

    ho ricevuto i libri ieri, sono di buona qualità, piccoli gioiellini di editoria estremamente curati, carta buona al tatto e all'odore...sono soddisfatta di questo risultato che mi giunge come un dono dal cielo.
    non so se saprò dargli la giusta importanza, non sono portata per le presentazioni, per gli incontri di poesia che generalmente schivo, per timidezza forse, per grande riserbo di sicuro.
    al di la del mio modo di presentarmi sotto forma di scrittura, che potrebbe sembrare disinibito, sono ampiamente circoscritta alla chiusura del mio lago.

    RispondiElimina
  11. Cara Carla, credo che il tuo sia un gran libro. Non preoccuparti mai di cosa e di come scrivi, perché è la scrittura che agisce, tu registri, provi e , parafrasando Ungaretti, disperdi. Fammi sapere se e quando presenterai il libro. Con stima Ivan Fedeli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Ivan, questa è una vera sorpresa, non mi aspettavo trovarti qui, nel mio piccolo nido :-)
      ti ringrazio per ciò che mi scrivi e per come hai sentito la mia scrittura.
      aver avuto una tua lettura così generosa e inaspettata mi fa sentire orgogliosa di ciò che ho pubblicato, e felice di aver trovato una sensibilità analitica profonda e preparata.
      Hai visto giusto, Ungaretti è stato il primo maestro nel mio percorso, la mia cara zia mi regalò "vita di un uomo, 106 poesie 1914-1969", lo custodisco con amore, alcuni passi sono sottolineati a matita.
      e poi Dickinson, a cui mi sono accostata con grande venerazione.

      Quando lo presenterò stai sicuro che ti invito :-)

      Ciao Ivan

      Elimina
    2. carissimo Ivan, ti ringrazio ancora per la bella prefazione che compare anche su *Le voci della luna* e ne approfitto per dirti che, le poche persone che finora hanno letto il mio libro, non si sono ancora pronunciate con "disinvoltura"...mi hanno solo saputo dire che è un libro difficile...ma cosa significa difficile?
      Può dipendere dalle letture, certo, ma io ci ho messo il mio vissuto, anche...e non pensavo di poter essere una persona difficile.
      Certo è interessante conoscere più giudizi, vedere questo dispiegamento di registri. Grazie ancora!

      Elimina
  12. Come non lasciare due parole a confermare il mio breve passo per questa tua poesia che tiene ancorati alla parola, la tua sensibilità è forte e radicata nel profondo, ne apprezzo la forza intrigante e l'azione filosofica che si propaga come un raro profumo.
    Un abbraccio
    t.t.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mia cara, di avermi ricordato questa bellezza ...la forza intrigante è una definizione che si accorda benissimo con le mie aspettative.

      a presto

      Elimina