domenica 5 agosto 2012

Sensi

Disincarnato frutto
la conoscenza del bambino;
la sua energia-guida
verso l'enigma delle cose.
La mia infanzia è un *medicamento cristallino*.



Si cerca di afferrare
- disperatamente -
un déjà vu
(sei  certo che si sta ripetendo
la medesima scena)
e ti senti come una marionetta
senza più  libero arbitrio.

* * *

Provo un piacere sfrenato
quando lascio macerare l'intuizione,
quando sento l'erotismo risalire
lungo un mio tratto di pelle
- mentre sento l'intenzione
farsi carne tra i miei sen(s)i -

6 commenti:

  1. tre è il numero perfetto :-)

    RispondiElimina
  2. Belle.. la prima evoca un'idea d'infanzia che sento anche mia. Riuscita anche la foto. Ti rileggo ascoltando Glassworks e si sposa bene. Ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elio...per la fiducia che mi dai, così non temo di denudare la parola, e i sensi che la corteggiano, perchè la verità è nuda.

      non conosco Glassworks ma a questo punto devo approfondire :-)

      Ciao!

      Elimina
  3. esaltati, come meritano, questi sensi

    il terzo il mio preferito, ma credo non rappresenti una sorpresa

    :-)

    RispondiElimina
  4. si sa che la carne da buoni consigli
    quando...?

    (De Andrè;-)

    RispondiElimina
  5. ..per esempio.. se non usi il primo puoi ingannare l' ottavo.

    RispondiElimina