martedì 25 agosto 2015

Osmanto


Il profumo dell'osmanto
- Olea fragrans rubra -
(un nome che in pochi conoscono)
viene rilasciato dalla resina d'ulivo
sciolta al sole di fine estate.

Si respira come un volo
sui paesaggi lacustri
dove i cipressi dimorano
e le antiche mulattiere,
sottovoce,
incitano il passo alla salita.

Il santuario è vicino
se il tuo viso innalzato
- azzurro sguardo
tra le verdi fronde -
intravede il campanile.

*

[Somiglia al profumo di mandorla
dei camosci in amore].


8 commenti:

  1. Risposte
    1. :-)
      a dire il vero, ho giocato a mischiare gli odori ;-)
      il primo è inebriante, l'ultimo stordisce.

      Elimina
  2. Arriva sin qui... tra le visioni nelle parole.
    Credo di avere una forte adorazione per i tetti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è sempre lo stesso tetto, c'è sempre la stessa luce ... ;-)

      Elimina
  3. Che bella...
    Wolf

    RispondiElimina
  4. Grazie Emanuele, per il tuo sempre gradito passaggio ...
    dalla Sicilia :-)

    RispondiElimina
  5. Amo questa pianta dai fiori piccoli, discreti ma intensi; dal profumo caparbio, tenace, risoluto.
    (Ne ho ben tre piante nel mio giardino, divenute nel tempo grandi e forti)

    Bella questa tua danza fragrante.

    Ciao Carla!

    RispondiElimina