giovedì 3 luglio 2014

Geografia dell'altrove



Ho dato l'impregnante alle assi
si tratta di preservare il legno
del ballatoio che funge da balcone -
la mia oasi
tra lago e cielo.






La morte della scrittura
è l'apatia del cervello
una sorta di lento abbandono.
Dedicarsi alla cura
di ciò che va sfaldandosi,
il rimedio.
La mente resta libera
mentre si ricompone il corpo.

*

I miei ultimi sogni
sembrano mòniti
ricostruirli è impossibile
ma certe visioni riappaiono
come il viso di una bambina
che accompagno sotto la doccia
per lavare via il fango.

*

Il nutrimento corre
sulle foglie erette
disegna una lacrima
cristallizzata.





Compongo questi suoni
sulle note di Mozart
(concerto n. 3 per pianoforte e orchestra 
in Re maggiore, K 40)
da un balcone in pieno sole
reduce dall'abbondanza dell'acqua
e la carezza sulla pelle
è un solfeggio
che sale, e scivola
e si adagia
leggera come il soffio
di un pensiero capace di raggiungere
la sagoma, dimenticata
della bellezza.

(Così si dissolve il tempo
e ciò che rimane dell'attimo
desiderato).



.

9 commenti:

  1. la lumachina l'ho pescata nell'insalata, era così piccola, e tenera, che non potevo farle del male ...

    RispondiElimina
  2. "Ho dato l'impregnante alle assi"

    Cavolo vieni a casa mia! Devo passare tutte le persiane, la tettoia davanti casa e i posti auto...

    ciao e una buona estate.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)))
      ciao Michele!
      a dire il vero, è la prima volta che mi cimento con tali attività di ristrutturazione ...questa è abbastanza semplice...il problema ora è girare le assi per fare il retro!

      per le persiane è più faticoso, bisogna prima "grattarle" ...

      buona estate anche a te, carissimo
      p.s., sto leggendo i 49 racconti di Hemingway ...:-)

      Elimina
  3. Ah dimenticavo.. porta la lumaca che ce la mangiamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ti azzardare!

      ormai è libera ...;-)

      Elimina
  4. È in ogni gesto che si da cura e valore alla vita, alla bellezza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come a dire
      è il gesto che muove il mondo

      grazie Mirella

      Elimina
  5. Splendido quest'equilibrio tra parola e gioia del corpo di sentirsi (e scoprirsi) vivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il mio entusiasmo a volte supera le mie aspettative

      ma è per questo che son viva!:-))

      ciao, mio carissimo Antonio
      penserò a qualcosa da mandarti, la sinergia che unisce la poesia all'arte è una spinta che sento sempre forte ...se poi si incontrano persone come te capaci di valorizzarla, è magnifico!

      Elimina