mercoledì 1 maggio 2013

Bianco di seppia



- Il lago è incendiato di blu
accoglie i nostri corpi come un'ostia -

*
La poesia è uno stato mentale
conosce ogni strato dell'aria
la materia senza forma, la sostanza
che attraversa la distanza.

*

Mantra,
acceso nel mio fiato
la carne tua che posso modellare.
L'incastro delle lingue
asseconda la mia fame.
Lo scambio dei doni è un bacio sacrale
metamorfosi - fatale - di un destino.

*
la scrittura è un percorso di carenza
formazione di coscienza
sub-cosciente.

*

Sono immersa
nel liquido caldo.
Non m'importa
se sopraggiungerà la morte,
se l'essere ontologico
si avvicina all'empiristico.
Mi interessa sentire
la risposta del mio derma
che raccoglie ogni goccia dal marmo
bianco di seppia.





5 commenti:

  1. Niente di nuovo sul fronte occidentale
    ma Escher...
    Escher è sempre affascinante!

    RispondiElimina
  2. ..ed è sempre un crescendo intenso il tuo dire, che avvolge e trascina...
    ero sul lago l'altro giorno...
    che meraviglia.
    bacio.
    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica cara,
      qualsiasi lago sia stato
      la stessa luce ha trovato il suo sbocco...

      Elimina
  3. fisicità e spiritualità, un connubio che nutre la tua poesia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Massimo, che bel complimento...

      Elimina