domenica 21 aprile 2013

Premio Fortini terza edizione


Ieri è stata una giornata memorabile per me, e questo lo devo a persone come Gianmario, Fiammetta, e a tutti quelli che erano presenti in quella sala, alla loro accoglienza, al caldo color miele delle travi e alle note del bravo musicista, Matteo Ederle.
Mi sono subito sentita a mio agio, accanto ad Ennio Abate, persona squisita come del resto Fiammetta Giugni e Arnaldo Ederle. la  prima in ordine di lettura (meno male conoscendo la mia emotività).
La voce era ferma e calma ma la mia mano tremava involontariamente...è stata una esperienza incredibile, come un parto...dopo ho sentito una liberazione espandersi in tutta la stanza, mi sono sentita bene.
Ho ascoltato con interesse ogni lettura accompagnata dalle note vibranti della chitarra e le persone di fronte a me erano trasportate, chiudevano gli occhi, erano molto vicine.
Alla fine della lettura, quando tutti si sono alzati, sono venute verso di me delle persone, volevano una dedica sul libro, mi hanno fatto i complimenti e ...mi hanno detto che avrebbero voluto che io leggessi di più, e proprio questo fatto, l'aver letto pochi frammenti, ha incuriosito la loro anima verso la mia, ha fatto desiderare loro di approfondire la lettura,  addirittura una persona li presente, Marina, ha notato quanto la mia poesia le ricordi quella della Dickinson.
Quale complimento avrei potuto desiderare di più? Ho sentito una sintonia e un calore che mi hanno fatto bene.
Grazie di cuore!

Vi inviterò nella mia terra, è una promessa.

 



11 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie Elio! Come vedi sono piena di entusiasmo e di gioia di poter condividere l'emozione poesia con chi desidera conoscerla...
      le belle foto sono di Giacomo Andreola.

      Se dovessi organizzare una presentazione nel mio paese li voglio tutti qui :-)

      Elimina
  2. ..il ritorno al poeta della meraviglia e del desiderio di chi ascolta, credo non ci sia appagamento maggiore...
    complimenti Carla... davvero.

    Un abbraccio..
    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, non so perchè mi hai fatto pensare a Rimbaud e alle sue radure...
      un caro abbraccio anche a te, ciao

      Elimina
  3. Grazie Massimo e grazie Stefano, sono commossa per questa vostra partecipazione alla mia poetica e ai miei entusiasmi.
    Dovrei riuscire a organizzare qualcosa prossimamente presso la chiesa di San Nicolao, nel borgo profondo del mio paese, è un ambiente quasi mistico, risale al XIII secolo...ne riparleremo quando la notizia sarà confermata.
    Un abbraccio a Tutti

    RispondiElimina
  4. complimenti mia cara, dolce la tua condivisione di una serata così bella ed emozionante, chissà che non possa partecipare al tuo prossimo evento, fammi sapere. baci.
    mire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mirella, non mancherò di avvisarti, sarà a maggio...:-)

      Elimina
  5. ...
    Vi sono nell’esperienza dei grandi poeti
    tali tratti di naturalezza
    che non si può, dopo averli conosciuti,
    non finire con una mutezza completa.
    ...
    B. P.
    Complimenti con abbraccio
    cara Carla!

    RispondiElimina
  6. Grazie Maurizio, per questo splendido frammento di Boris Pasternak tratto da: le onde...

    RispondiElimina